la  sindrome  da  stanchezza  cronica

La sindrome in assoluto più frequente (nei grandi e nei piccoli)

Immagine delle Ghiandole Surrenali nel corpo umano
Ghiandole Surrenali

La Sindrome da Stanchezza Cronica è una sindrome ancora praticamente sconosciuta in Medicina. Eppure, può spiegare l'insorgenza di moltissime malattie croniche.

 

Le ghiandole surrenali (le principali imputate alla insorgenza di questa patologia) sono due ghiandole poste al polo superiore di ambedue i reni (vedi figura a lato).

 

La loro funzione è quella di fronteggiare lo stress di qualunque tipo, e consentire la sopravvivenza. Producono quattro tipologie di ormoni: i glucocorticoidi (tra cui il più importante è il cortisolo) che regolano il metabolismo degli zuccheri, i mineralcorticoidi (aldosterone) che regolano il bilancio idro-salino, le catecolamine (adrenalina e noradrenalina), che regolano la risposta "attacco-fuga" nelle situazioni stressogene acute, ed infine gli ormoni sessuali (estrogeni, progesterone, testosterone, DHEA e pregnenolone), che regolano la crescita e la riproduzione.

 

 

Ma il cortisolo è il più importante ormone anti-stress (il nostro "cortisone" interno, per così dire). A causa dello stile di vita malsano che la maggior parte della gente conduce, ed a causa del fatto che oggi viene considerato "normale" soffrire di stress (peggiore convinzione non si potrebbe avere), il nostro corpo inizialmente aumenta la produzione di cortisolo, per fronteggiare le situazioni.

 

Quali situazioni ? Quelle alle quali la persona viene sottoposta (alcune volte purtroppo accadono fatti spiacevoli, ma spesso, siamo noi stessi che permettiamo alla vita di schiacciarci, sedendoci sugli allori). Le situazioni predisponenti a questa sindrome sono quelle arcinote: difficoltà sul lavoro, in famiglia, divorzi, malattie dei propri cari, mancanza o incapacità di gestione delle emozioni, licenziamenti e perdita del lavoro, malattie invalidanti, infezioni intercorrenti e ricorrenti, coricarsi tardi la sera, assenza di pause lavorative e ritmi massacranti, pessima qualità del cibo credendo che il corpo non si accorga di ciò che gli arriva, ambiente malsano, tossico, ecc.).

 

 

La Sindrome della Stanchezza Surrenale può andare avanti negli anni, senza che uno se ne accorga, almeno inizialmente. Ma nel tempo, arrivano implacabili le malattie autoimmuni e degenerative, alle quali la medicina, oso dire ingenuamente, cerca una soluzione, disinteressandosi spesso delle cause primarie.

 

Purtroppo, gli esami laboratoristici e strumentali non segnalano quasi niente su questa Sindrome, ed è qui la fregatura ! Ancora oggi si crede che se gli esami sono "normali", vada tutto bene......ma l'unica cosa che serve è un medico astuto e capace di indagare con un interrogatorio di "terzo grado", se siano già presenti i segni della Stanchezza Surrenalica. In linea generale, per le varie malattie gli esami sono utili,ma non sono tutto !

 

 

Niente è paragonabile alla presenza e all'esperienza del medico, che dovrebbe stare con il paziente fino a che non ha chiaro il quadro clinico ! Ricordate: la diagnosi non si fa con gli esami, la fa il Clinico, sempre e comunque !

 

Ecco alcuni SINTOMI (ovviamente, basta anche la presenza di alcuni di essi, specialmente quelli in neretto) che potrebbero suggerirvi di sottoporre all'osservazione medica il vostro quadro (ci vuole però un medico esperto nel riconoscere e trattare questa Sindrome):

                           

                          Fase di "resistenza" (cortisolo elevato)

 

- Stanchezza, specialmente al risveglio al mattino

 

- Ansia

 

- Nervosismo, irritabilità

 

- Attacchi di panico

 

- Insonnia, sonno disturbato da risvegli frequenti

 

- Difficoltà di recupero dopo attività fisica

 

- Dolori muscolari cronici

 

- Ipertensione arteriosa

 

- Aumentata suscettibilità alle infezioni di vario tipo

 

- Tendenza all'aumento della glicemia

 

- Desiderio di zuccheri

 

- Gastrite cronica, Ulcera gastro-duodenale

 

                         

                    Fase di "esaurimento" (cortisolo basso)

 

- Stanchezza profonda, che dura anche tutta la giornata

 

- Insonnia

 

- Apatia e Depressione

 

- Ridotto interesse per il sesso

 

- Allergie di vario tipo: respiratorie, alimentari

 

- Ipoglicemia

 

- Ipotensione arteriosa

 

- Desiderio di cibi salati

 

- Notevole difficoltà alla guarigione delle malattie intercorrenti

 

- Debolezza muscolare

 

 

Esistono altri sintomi che sono comuni a tutte le fasi della Sindrome, come:

 

- Freddolosità (ma anche intolleranza al caldo, specie se umido, vampate)

 

- Dermatiti di vario tipo

 

- Cefalea

 

- Sindrome premestruale

 

- Colon "irritabile" (alternanza di feci molli e stitichezza)

 

- Caduta dei capelli

 

- Cattiva digestione

 

- Palpitazioni

 

- Calo della memoria

 

- Difficoltà di concentrazione

 

- Gonfiore alle caviglie o alle dita

 

- Predisposizione alle malattie infiammatorie

 

Questa Sindrome della Stanchezza Cronica potrebbe essere associata a molte malattie (o addirittura causarle) che hanno ricevuto nomi fra i più disparati, ma che alle quali ancora oggi l'approccio medico non riesce a dare una risposta diagnostico-terapeutica adeguata.

 

Mi sto riferendo a malattie come:

Ipotiroidismo, tiroiditi autoimmuni, artrite e molte altre malattie del tessuto connettivo, malattie cardiovascolari (infarto, ictus, ischemia, ipertensione arteriosa), malattie della pelle (eczema, psoriasi), infezioni ricorrenti anche in età pediatrica, candidosi ricorrenti, endometriosi e altre malattie da dominanza estrogenica, artrosi e osteoporosi post-menopausale, malattie del ricambio (diabete, dislipidemie).

 

E chissà quante altre potrebbero giovarsi di questo inquadramento ! Il massimo esperto mondiale della "Sindrome della stanchezza surrenale" è il Dr. Michael Lam, il cui sito web ufficiale è il seguente  https://www.drlamcoaching.com/

 

L'importante è pensare a questa possibilità diagnostica, forse potrebbero aprirsi nuove possibilità anche terapeutiche, che ben si integrerebbero con le terapie attuali. Una volta riconosciuta la Stanchezza Surrenalica, l'approccio terapeutico esiste, e riguarda 4 pilastri fondamentali:

 

1) Modifica dello stile di vita

 

2) Alimentazione adeguata per la ghiandola surrenale

 

3) Integratori naturali e rimedi omeopatici

 

4) Gestione emozionale con tecniche energetiche innovative, basate 

     sulla Fisica Quantistica (vedi altre sessioni del sito web)

 

Se proprio vuoi l'optimum, allora non puoi non dare un'occhiata alle novità dei Corsi che ti propongo ! Clicca qua per guardare i programmi e valuta tu stessa/o se non sia il caso di partecipare. A presto !

 

Dr. Danilo Vaccai