LA DISINTOSSICAZIONE in reumatologia e nelle altre malattie croniche

Tenere il proprio organismo pulito, per prevenire nuove malattie

Contenitore che è pieno di liquido
Disintossicazione e Drenaggio

Effettuare una disintossicazione significa attivare un processo che consente agli organi di scarico –fegato, rene, pelle, intestino, polmoni –  di eliminare le tossine e i liquidi in eccesso. 

 

Si tratta di un presupposto imprescindibile sia per la conservazione dello stato di salute che per una maggiore efficacia delle terapie. Il drenaggio è dunque un ottimo trattamento sia di prevenzione che di sostegno per la gestione di alcune patologie acute e croniche. 

 

Una corretta terapia biologica si basa sul drenaggio:

- del connettivo e della linfa,

 -degli organi emuntori (fegato, rene, intestino, pelle, polmoni). 

S     Si possono usare rimedi naturali omeopatici, omotossicologici, fitoterapici, alghe, micoterapici.
         Un drenaggio eseguito bene, da solo, è già sufficiente per migliorare sensibilmente le condizioni di salute (a meno che non siano già presenti danni d'organo irreversibili).
       Per alcuni tipi di tossine, come per esempio i metalli pesanti (alluminio, piombo, mercurio, ecc.) può rendersi necessaria la cosiddetta Chelazione: è un processo molto delicato, che richiede una esperienza notevole da parte del medico che la effettua.
       Molti pazienti affetti da qualunque patologia (reumatici compresi) ormai assumono cronicamente una notevole quantità di farmaci chimici (necessari per mantenere un equilibrio decente): in particolare, mi riferisco ai pazienti cronici affetti da patologie autoimmuni, degenerativo-neoplastiche, e anche i pazienti che hanno effetti collaterali spesso dovuti a eccipienti (non al principio attivo) dei vaccini.
        La Disintossicazione non interferisce né riduce l'attività dei principi attivi dei vaccini o dei farmaci, quindi lo si può associare, se ben scelto, a qualsiasi terapia. Inoltre, la terapia disintossicante (e questa è la cosa più importante) viene PERSONALIZZATA sul paziente, tramite il Test Kinesiologico, consentendoci di avere maggiori possibilità di successo. Infatti, non è detto che un rimedio drenante vada bene per tutti: ognuno ha la propria reattività. E il medico deve fare una attenta storia clinica (anamnesi) per scegliere bene la strategia terapeutica.